• imgSlide0.png
  • imgSlide3.png
  • imgSlide2a.png
  • imgSlide10a.png
  • imgSlide8.png
  • imgSlide7.png
  • imgSlide6a.png
  • imgSlide5.png
  • imgSlide1.png
  • imgSlide11a.png
  • imgSlide9.png
  • imgSlide4a.png

Certificati scolastici: aggiornamento

La Regione Toscana, con un decreto del 30/12/2016, ha aggiornato la modulistica necessaria per autorizzare la somministrazione di farmaci indispensabili o salvavita agli alunni in ambito scolastico.

L'utilizzo di procedure e modulistica condivisa, non solo per la somministrazione dei farmaci, ma anche per le certificazioni sportive e altre tipologie di certificati, consente ai medici e ai dirigenti scolastici di rendere più semplice ogni tipo di intervento del medico, evitando fraintendimenti e incomprensioni che a volte possono insorgere.

Si ritiene opportuno, pertanto, riportare di seguito la modulistica aggiornata che i medici sono invitati ad utilizzare in tutti i casi di certificazioni mediche in ambito scolastico.

Biblioteca medica FNOMCeO-EBSCO

La disponibilità in un click di 2500 riviste full text tra medicina e odontoiatria e di decine di migliaia di abstract. L’accesso libero e completo a migliaia di articoli scientifici, normalmente leggibili solo a pagamento. Un ventaglio di 4000 schede di educazione per il paziente su malattie, terapie, prevenzione, stili di vita. Ancora, un sistema di supporto decisionale, fondato sulle migliori evidenze scientifiche, in grado di rispondere in pochi minuti a quesiti di pratica clinica e terapeutica.

Sono solo alcune delle possibilità che la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici offre da oggi ai propri iscritti tramite una convenzione con la EBSCO Information Services di Boston, uno dei principali fornitori mondiali di banche dati di letteratura scientifica.

Il nuovo servizio, offerto gratuitamente a tutti i medici e gli odontoiatri italiani, è stato presentato nella sede della FNOMCeO lo scorso 7 settembre.

Leggi tutto: Biblioteca medica FNOMCeO-EBSCO

Certificati non agonistici: gli sport esclusi

In attuazione alle disposizioni del Ministero della Salute, il CONI ha diramato una circolare alle Federazioni Sportive e agli Enti di promozione sportiva con la quale specifica gli sport per i quali non è necessario il certificato medico per l’attività non agonistica.

Si tratta di alcune discipline sportive per le quali l’impegno fisico è ritenuto molto ridotto o assente, tanto da rendere superflua la certificazione medica: gli sport di tiro, il biliardo, le bocce (ad eccezione del volo di tiro veloce), il bowling, il bridge, la dama, gli scacchi, il golf, la pesca di superficie, il curling, i giochi tradizionali. Per tutti questi sport, i praticanti non agonisti, anche se tesserati ad una società o associazione sportiva affiliata ad una Federazione sportiva o ad un Ente di promozione sportiva, non hanno obbligo di alcuna certificazione medica.

Leggi tutto: Certificati non agonistici: gli sport esclusi

Vaccinazioni: la FNOMCeO in campo per sfatare i falsi miti

Immagini shock, come quelle dei malati di tumore sui pacchetti di sigarette o delle vittime degli incidenti nelle campagne per la sicurezza stradale, ma raffiguranti i bambini (e gli adulti) danneggiati dalle malattie infettive: è stata questa la proposta sulla quale si sono trovati d’accordo i ricercatori, gli epidemiologi, i docenti universitari, i filosofi della scienza, i magistrati, i medici intervenuti al convegno organizzato dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici sul tema “Vaccinazioni oggi”, appena conclusosi a Roma.

“Diffondere informazioni correttive per convincere a vaccinare è efficace con gli esitanti ma non con gli antivaccinisti radicali, che, presi dalla difesa delle proprie opinioni, non ascolteranno – ha spiegato Andrea Grignolio, filosofo della Scienza, docente all’Università la Sapienza di Roma e autore di numerosi libri e pubblicazioni sull’argomento. – È più utile ed efficace sostituire i (falsi) timori verso i vaccini con la paura (reale) dei rischi correlati alle malattie”.

Leggi tutto: Vaccinazioni: la FNOMCeO in campo per sfatare i falsi miti

Sordità: corretta compilazione del certificato

L'Ente Nazionale per la protezione e l'assistenza dei sordi ONLUS richiama l'attenzione dei medici nella corretta compilazione del certificato telematico per l'invalidità civile perché in caso di imprecisioni anche solo formali, la procedura di riconoscimento di invalidità può essere compromessa.

In particolare viene ricordato che per "Sordo civile" si intende il minorato sensoriale dell'udito affetto da sordità congenita o acquisita durante l'età evolutiva (fino ai 12 anni) che abbia compromesso il normale apprendimento del linguaggio parlato. In questi casi, nel modulo di invalidità civile, va contrassegnata la casella "Sordità".

Viceversa, nel caso di sordità acquisita non professionale, sordità di natura esclusivamente psichica o dipendente da causa di guerra, o di lavoro o di servizio, va contrassegnata la casella "Invalidità".