• imgSlide10a.png
  • imgSlide8.png
  • imgSlide2a.png
  • imgSlide5.png
  • imgSlide4a.png
  • imgSlide1.png
  • imgSlide11a.png
  • imgSlide7.png
  • imgSlide0.png
  • imgSlide9.png
  • imgSlide6a.png
  • imgSlide3.png

Sospensione attività degli uffici

Si informano i gentili utenti che gli uffici dell'Ordine resteranno chiusi nella settimana dal 13 al 17 agosto.

Inoltre i servizi di consulenza previdenziale ENPAM presso la sede dell'Ordine saranno sospesi dal 1° al 31 agosto. Per ogni necessità si potrà fare riferimento al sito www.enpam.it e al Servizio di Accoglienza Telefonico 06.4829.4829.

 

Nuove FAQ sulla Privacy

Nella sezione FAQ - Domande frequenti - di questo sito sono pubblicati alcuni chiarimenti sulla Privacy alla luce delle nuove norme del Regolamento Europeo.

Per consultarle: http://www.ordine-medici-firenze.it/index.php/faq-domande-frequenti/404-la-privacy-nello-studio-medico-dopo-il-regolamento-europeo-679-2016

Pubblicità sanitaria: obbligatorio indicare il Direttore Sanitario

Il Consiglio di Stato ha pronunciato una interessante sentenza (n. 3467/2018) sul tema della pubblicità delle strutture sanitarie private, con particolare riguardo agli obblighi di trasparenza e di correttezza informativa.

Una struttura sanitaria era stata sanzionata dal Comune per aver effettuato propaganda pubblicitaria senza indicare il nominativo e i titoli del Direttore Sanitario della struttura, come invece è previsto dall'art. 4 comma 2 della Legge 175 del 1992. La struttura si è difesa sostenendo che le leggi di liberalizzazione nel frattempo intervenute (soprattutto il "Decreto Bersani" del 2006) hanno superato la Legge del 1992, ma il Consiglio di Stato non è stato del medesimo avviso.

In particolare i giudici amministrativi hanno affermato che le liberalizzazioni hanno certamente abrogato l'obbligo di chiedere la preventiva autorizzazione alla pubblicità sanitaria, ma non hanno minimamente inciso sui contenuti dei messaggi pubblicitari, che anzi devono essere corretti e trasparenti, a tutela dei cittadini. Ebbene, l'indicazione del Direttore Sanitario rientra fra i contenuti minimi del messaggio pubblicitario finalizzato a tutelare gli utenti e la trasparenza del mercato, in un settore molto delicato come quello sanitario.

Pertanto viene ribadito che l'indicazione del Direttore Sanitario negli strumenti pubblicitari delle strutture sanitarie private è elemento essenziale e obbligatorio e che l'eventuale mancanza di questo dato informativo comporta la sanzione amministrativa, da parte del Comune, della chiusura della struttura da 6 mesi ad 1 anno.

Traumi dentali in età evolutiva

Il Ministero della Salute ha pubblicato l'aggiornamento delle Linee guida nazionali per la prevenzione e la gestione clinica dei traumi dentali negli individui in età evolutiva.

L'obiettivo è fornire raccomandazioni e indicazioni evidence-based sulla prevenzione e gestione immediata del trauma dento-alveolare nei pazienti in età̀ evolutiva ed un’attenta valutazione delle conseguenti implicazioni medico legali.

Per approfondire: http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2755_allegato.pdf

Obbligo di referto per lesioni stradali: i chiarimenti della Procura

A seguito delle incertezze interpretative sull'obbligo di referto in caso di lesioni stradali con prognosi complessiva superiore ai 40 giorni, l'Ordine dei Medici di Firenze ha chiesto chiarimenti alla Procura della Repubbica di Firenze, in modo da fornire ai medici utili indicazioni di comportamento.

Il Procuratore Capo Dott. Creazzo ha chiarito che l’obbligo di referto riguarda il medico che per primo interviene per la cura del paziente e constata in quella sede l’esistenza di una prognosi clinica superiore ai 40 giorni. Viceversa non sussiste obbligo di referto per il medico che intervenga successivamente, anche se dovesse accertare un prolungamento della prognosi tale da far superare complessivamente i 40 giorni, perché in questi casi spetterà all’autorità giudiziaria o alla polizia giudiziaria valutare l’eventuale procedibilità d’ufficio.

Si allega la nota esplicativa del Procuratore, invitando i medici ad attenervisi, evitando l'invio di referti che, alla luce dei chiarimenti forniti, non risultano necessari.