• imgSlide2a.png
  • imgSlide5.png
  • imgSlide1.png
  • imgSlide0.png
  • imgSlide10a.png
  • imgSlide7.png
  • imgSlide4a.png
  • imgSlide11a.png
  • imgSlide6a.png
  • imgSlide8.png
  • imgSlide3.png
  • imgSlide9.png

Elenco esperti di settore

La Regione Toscana ha pubblicato un avviso per la formazione dell'Elenco regionale degli Esperti di Settore.

L'Esperto di Settore è colui che, in base all'esperienza professionale acquisita, può essere coinvolto nei seguenti ambiti: Repertorio regionale delle figure professionali; Commissione d'esame per la certificazione delle competenze; Validazione delle competenze come operatore qualificato.

Per essere inseriti nell'Elenco regionale è necessario presentare apposita domanda tramite il portale ERES accessibile all'indirizzo https://web.rete.toscana.it/eres con Tessera Sanitaria attivata o SPID.

La procedura è accessibile dal 2 maggio 2018 e resta aperta senza scadenza. L'elenco degli Esperti, sulla base delle domande pervenute, sarà formato il 31 maggio e poi aggiornato il 30 giugno e il 30 settembre.

Per ulteriori informazioni: http://www.regione.toscana.it/-/elenco-regionale-degli-esperti-di-settore

 

Attestazione requisiti studi SCIA: ecco il Manuale della Regione Toscana

La Regione Toscana ha predisposto un Manuale ad uso degli studi medici e odontoiatrici soggetti a SCIA per il corretto adempimento dell'obbligo di attestazione del possesso dei requisiti.

Per svolgere tale adempimento è necessario andare sul sito: http://www.suap.toscana.it/star e seguire le indicazioni del Manuale, ricordando che per accedere alla piattaforma è necessario essere in possesso della Tessera Sanitaria attivata o delle credenziali SPID.

Pagamento certificati INAIL al via

Finalmente, dopo una lunga attesa iniziata il 22 marzo 2016 e durata fino ad oggi, prende il via il pagamento dei certificati di infortunio INAIL, rimasti bloccati appunto per due anni.

La questione riguarda soprattutto i medici dei Pronto Soccorso e i medici di medicina generale, ai quali l'INAIL aveva smesso di corrispondere ogni compenso per tale attività, sostenendo che con l'entrata in vigore del D.Lgs. 151/2015 tali certificati fossero diventati gratuiti.

Questa tesi è stata contestata da tutte le rappresentanze mediche e adesso è arrivato il nulla-osta del Ministero della Salute e del Ministero del Lavoro che dà mandato all'INAIL di inziare le procedure per l'erogazione dei compensi relativi alle certificazioni mediche di infortunio e malattia professionale rilasciate dal 22 marzo 2016 in poi.

In particolare, entro il prossimo 30 settembre l'INAIL salderà tutti i pagamenti dei certificati del 2016. Successivamente procederà al pagamento dei certificati del 2017, fino alla messa a regime del sistema.

Chiarimenti su certificati medici in ambiente scolastico

Con riferimento a varie questioni inerenti la certificazione in ambiente scolastico e per i percorsi di alternanza scuola-lavoro, si precisa quanto segue:

1)   Per l’avvio degli studenti ai percorsi di alternanza scuola-lavoro non è necessaria alcuna certificazione di idoneità da parte del medico di famiglia. Il Ministero dell’Istruzione, infatti, ha ricordato che in materia si applica il Decreto 81/2008 sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, per cui l'eventuale sorveglianza sanitaria spetta al medico competente (cioè il medico del lavoro) della Scuola o dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASL.

2)   L’eventuale assenza dello studente in giornate di alternanza scuola-lavoro deve seguire le ordinarie procedure di giustificazione dell’assenza per cui, in caso di malattia, il certificato del medico di famiglia di riammissione a scuola è dovuto per assenze superiori a 5 giorni, mentre per le assenze di minor durata deve ritenersi sufficiente la giustificazione dei genitori (se lo studente è minorenne) o dello studente stesso, se maggiorenne.

3)   In materia di certificazione medica, pertanto, restano pienamente vigenti i principi e le regole contenute nel Protocollo d’Intesa fra Ordine dei Medici e Ufficio Scolastico Regionale sottoscritto il 28/03/2014 (vedasi sotto).

4)   Nel caso in cui venga richiesta al medico di famiglia una qualche certificazione medica non prevista e non obbligatoria sulla base di quanto sopra detto (e ovviamente lecita, cioè non in contrasto con il Decreto 81/2008), il medico potrà comunque provvedervi perché il cittadino ha diritto di ottenere ogni certificazione che riguarda il suo stato di salute. In tali casi, però, la certificazione dovrà essere contestuale alla visita medica e non potrà che essere a pagamento, proprio perché non prevista da alcuna norma imperativa.

Si allegano, per completezza di informazione, il Procotollo d'intesa del 28/03/2014 e la modulistica allegata a tale Protocollo.

Defibrillatore presso gli studi

Si pubblica la lettera inviata agli iscritti all'Ordine riguardo la questione della dotazione del Defibrillatore presso gli studi medici e odontoiatrici: