• imgSlide2a.png
  • imgSlide9.png
  • imgSlide0.png
  • imgSlide5.png
  • imgSlide8.png
  • imgSlide4a.png
  • imgSlide10a.png
  • imgSlide3.png
  • imgSlide11a.png
  • imgSlide7.png
  • imgSlide6a.png
  • imgSlide1.png

Guida al "Decreto Vaccini"

Il Ministero della Salute ha pubblicato una "Guida al Decreto Vaccini" con la quale vengono illustrate le novità introdotte dalla norma, a seguito della sua definitiva approvazione del Parlamento del 28 luglio scorso.

Tale "Guida", unitamente ad ogni altra informazione utile sulla materia, è disponibile sul sito ministeriale www.salute.gov.it/vaccini.

 

Orario uffici

Dal 31 luglio l'orario di apertura al pubblico degli uffici è il seguente:

Giorno Mattino Pomeriggio
Lunedì 8.30 - 11.00 15.30 - 17.30
Martedì 8.30 - 11.00  
Mercoledì 8.30 - 11.00 15.30 - 17.30
Giovedì 8.30 - 11.00  
Venerdì 8.30 - 11.00  
Sabato Chiuso

Maggiori informazioni sulla pagina "UFFICI".

Corso FAD "Radioprotezione in odontoiatria"

Di seguito il programma e le istruzioni per partecipare al corso FAD "Radioprotezione in odontoiatria" gestito dal FORMAS e offerto gratuitamente dall'Ordine di Firenze e dalla Commissione Odontoiatri di Firenze a tutti gli iscritti all'Albo degli Odontoiatri della nostra provincia:

Analisi del sangue o servizio da tè?

Chi fa la spesa alla Coop può ricevere un tesserino a punti che dà diritto, dopo una certa raccolta, a un qualche oggetto per la casa, che siano sei bicchieri da vino o un frullatore. Oggi la genialità del marketing ha fatto un passo avanti e il cliente della Coop può utilizzare i punti in qualche Laboratorio convenzionato per farsi quella che si suol dire “una bella analisi completa”.

Per la verità, data l’entità del ticket che grava su una buona parte della popolazione, l’idea non è male. Alla Coop si deve pur andare a far la spesa; invece che l’ennesimo servizio da tè, potersi fare le analisi con i punti del tesserino consente un notevole risparmio perché la spesa complessiva della famiglia non cambia.

Qualcuno può osservare che così si aumenta l’offerta e quindi la spesa complessiva del servizio, ma queste sono inezie che il libero mercato e la globalizzazione finanziaria ignorano senza patemi. In realtà nella nostra vecchia Europa avevamo pensato che la Salute fosse un diritto da affidare ad un Servizio pubblico, che  garantisca l’equità e l’uguaglianza delle prestazioni.  Chi acquista di più viene curato meglio? Come dire che si possono spendere i nostri soldi in cibi raffinati e golosi tanto il colesterolo è compreso.

Mi faccia due etti che c'entra anche la VES!

Antonio Panti, Presidente dell'Ordine dei Medici di Firenze

Cinque mozioni per la tutela della Professione

Cinque mozioni e un Ordine del Giorno approvati dal Consiglio nazionale; più di duecento tra medici e giornalisti al Teatro dei Rinnovati per confrontarsi, insieme a una ventina di esperti, sulla Comunicazione della Salute; tre giorni di incontri, riunioni, dibattiti sui temi caldi della Professione Medica e Odontoiatrica; gli ottant’anni dell’Enpam, festeggiati il 14 luglio da tutta la Professione riunita.

Sono queste alcune cifre dell’evento che ha visto Siena – dal 13 al 15 luglio – diventare “Capitale della professione medica”. E, dalla Formazione alla carenza di Medici, dalle “cure a cronometro”  al DDL Concorrenza, dalle vaccinazioni ai certificati di malattia, dalla pubblicità sanitaria al Jobs Act del Lavoro autonomo, al futuro dei Medici Fiscali, sono stati veramente tantissimi gli argomenti sul tavolo.

Sul portale della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici è disponibile un report, nonché i testi delle Mozioni approvate: https://portale.fnomceo.it/fnomceo/showArticolo.2puntOT?id=157941