• imgSlide10a.png
  • imgSlide6a.png
  • imgSlide2a.png
  • imgSlide3.png
  • imgSlide1.png
  • imgSlide8.png
  • imgSlide4a.png
  • imgSlide0.png
  • imgSlide11a.png
  • imgSlide7.png
  • imgSlide5.png
  • imgSlide9.png

Installazione impianti pubblicitari

A proposito dell'installazione di impianti pubblicitari (targhe, insegne, ecc.) da parte di strutture sanitarie e studi professionali, la Direzione Attività Economiche del Comune di Firenze, presso cui vanno presentate le richieste autorizzative in merito, informa che prima di concedere ogni autorizzazione all'impianto, consulterà la Direzione Autorizzazioni Sanitarie comunale al fine di verificare che l'installazione pubblicitaria sia riferibile ad un soggetto in possesso dell'autorizzazione all'esercizio di attività sanitarie o SCIA, nei casi previsti.

Quanto sopra su richiesta dell'Ordine di Firenze, allo scopo di evitare il rischio di installazioni pubblicitarie provenienti da soggetti non in regola con le disposizioni sanitarie vigenti.

Illecito l'uso di dati dei pazienti per finalità diverse da quelle di cura

Il Garante per la Privacy ha comminato una sanzione di 16.000 euro a un medico che aveva utilizzato gli indirizzi di circa 3.500 pazienti per inviare lettere a sostegno di un candidato alle elezioni politiche regionali del 4 marzo 2018, senza che gli interessati avessero espresso alcun specifico consenso a riguardo.

Il medico si è difeso affermando di aver scritto ai suoi pazienti per informarli della sua nuova sede di lavoro e con l’occasione aveva contestualmente espresso il suo sostegno a un candidato alle elezioni.

Il Garante ha giudicato tale comportamento illecito perché "i dati personali raccolti nell’ambito dell’attività di tutela della salute da parte di esercenti la professione sanitaria e di organismi sanitari non sono utilizzabili per fini di propaganda elettorale e connessa comunicazione politica. Tale finalità non è infatti riconducibile agli scopi legittimi per i quali i dati sono stati raccolti". Da qui la pesante sanzione pecuniaria.

Bonus bebè dell'ENPAM per le dottoresse neo-mamme

Con il 2019 torna il bonus bebè dell’Enpam. Le dottoresse neo-mamme potranno contare su 1.500 euro in più per le spese di nido e babysitter nel primo anno di vita del bambino o dell’ingresso nel minore in famiglia, in caso di adozione e affidamento.

Si può fare richiesta per i nati dal 1° gennaio 2018 al 31 maggio 2019, data in cui si chiude il bando di quest’anno. I nati oltre questo termine verranno ricompresi nel bando del prossimo anno.

Per poter chiedere il sussidio il reddito familiare lordo annuo medio degli ultimi tre anni non può essere superiore 53.353,04 euro, cioè 8 volte il minimo Inps (6.669,13 euro). Il tetto aumenta per ogni ulteriore componente del nucleo, escluso chi fa la domanda.

Per ogni ulteriore informazione e per istruzioni per presentare domanda, consultare il sito dell'ENPAM: https://www.enpam.it/news/maternita-dallenpam-arriva-il-bonus-bebe

Questionario su Antibiotici in Odontoiatria

La Scuola di Igiene dell'Università "Magna Grecia" di Catanzaro ha avviato uno studio che si propone di valutare le pratiche degli odontoiatri relative alla prescrizione antibiotica in odontoiatria.

A tale scopo è stato predisposto un questionario rivolto a tutti gli odontoiatri italiani che ha la finalità di descrivere il pattern prescrittivo degli antibiotici nella pratica odontoiatrica, con particolare attenzione a tipo di molecola, dosaggio, via di somministrazione e durata della profilassi antibiotica.

Gli odontoiatri disponibili a partecipare allo studio possono rispondere al questionario disponibile al seguente link: https://forms.gle/4SRfFpxWKtoQe3Lj8

Sostegno ONAOSI per i giovani studenti

La Fondazione ONAOSI  da oltre un decennio promuove un percorso di orientamento scolastico professionale in favore dei giovani assistiti che frequentano l'ultimo anno delle scuole superiori, allo scopo di sostenere i giovani in una scelta universitaria consapevole e motivata.

Adesso il Consiglio d’Amministrazione dell'ONAOSI ha deliberato di erogare la stessa attività di supporto, in forma gratuita,  anche nei confronti degli studenti figli di medici contribuenti ONAOSI, che si trovino prossimi ad una scelta universitaria.

Gli interessati potranno inviare richiesta di adesione all’attività tramite mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicante recapito telefonico e residenza oppure telefonando al n.075/5869511.