• imgSlide3.png
  • imgSlide6a.png
  • imgSlide11a.png
  • imgSlide9.png
  • imgSlide2a.png
  • imgSlide8.png
  • imgSlide7.png
  • imgSlide0.png
  • imgSlide1.png
  • imgSlide4a.png
  • imgSlide10a.png
  • imgSlide5.png

Separatori di amalgama dentale

Il Ministero della Salute ricorda che a norma del regolamento europeo 2017/852 dal 1° gennaio 2019 l'utilizzo di amalgama dentale o la rimozione di otturazioni contenenti amalgama dentale ovvero di elementi dentali con tali otturazioni, devono essere effettuate esclusivamente con l'utilizzo di riuniti odontoiatrici dotati di separatori di amalgama al fine di trattenere e raccogliere le particelle di amalgama generate dalle attività sopra indicate.

Pertanto negli studi e nelle strutture odontoiatriche è necessario garantire la presenza di almeno un riunito dotato di separatore di amalgama: l'uso e la rimozione dell'amalgama dentale deve avvenire esclusivamente utilizzando la postazione dotata di tale separatore.

L'ANDI suggerisce di definire la procedura di intervento e le misure di cautela nel Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) e di smaltire almeno 1 volta all'anno l'amalgama trattenuto tramite una ditta autorizzata al trattamento dei rifiuti pericolosi.

Risonanza magnetica: sicurezza e impiego

Il Ministero della Salute, con decreto del 10 agosto 2018, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 ottobre 2018, ha stabilito gli standard di sicurezza ed impiego per le apparecchiature a risonanza magnetica. Il decreto, che abroga e sostituisce i precedenti sulla medesima materia, disciplina gli aspetti relativi alla messa in esercizio dell'apparecchiatura finalizzandola alla ottimizzazione degli aspetti di sicurezza e rappresenta una sintesi delle norme di buona tecnica e delle raccomandazioni nazionali ed internazionali e della normativa di sicurezza al momento vigente.

Inoltre il decreto prevede che prima di effettuare l'esame, il paziente deve essere informato sulle possibili controindicazioni, i rischi e le limitazioni di carattere medico ed è tenuto a rispondere alle domande del questionario. L'informazione e la raccolta anamnestica spetta al medico responsabile della prestazione diagnostica. Il questionario, di cui è allegato un fac-simile al decreto, dovrà essere firmato dal medico e controfirmato dal paziente, a testimonianza della propria consapevolezza sul possibile rischio connesso ad eventuali risposte false o mendaci sui quesiti postigli.

Ebook sulla certificazione medica

Cos’è un certificato medico e quali requisiti deve avere? Quali sono gli obblighi, secondo la legge e il codice deontologico, a cui deve attenersi il medico che certifica? Che differenza c’è fra referto e denuncia? Come gestire correttamente la certificazione in ambito previdenziale? Come si redigono i principali certificati?

Grazie al contributo dei componenti della Commissione sulla certificazione medica della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, questo ebook si propone come strumento di supporto all’attività di certificazione, una delle incombenze più frequenti dei medici nei loro diversi ruoli professionali, ma talvolta, data la sua complessità, fonte di dubbi o problemi.

L'ebook in formato PUB e MOBI è scaricabile al seguente indirizzo: https://portale.fnomceo.it/disponibile-le-book-la-certificazione-medica/

Privacy: il Registro dei Trattamenti semplificato

L'Autorità Garante per la Privacy ha messo a disposizione sul proprio sito internet un modello semplificato del Registro dei Trattamenti da utilizzare per le PMI - piccole e medie imprese e per i professionisti.

Il Registro, previsto dal Regolamento Europeo, è un documento che contiene le principali informazioni sulle attività di trattamento dei dati personali e quindi rappresenta un quadro delle attività svolte all'interno dell'organizzazione aziendale o dello studio professionale indispensabile per la valutazione del rischio.

Il Registro è obbligatorio per tutte le organizzazioni che abbiano almeno 250 dipendenti, ma lo è anche per qualunque titolare che tratti dati sensibili come quelli inerenti la salute, indipendentemente dal numero dei dipendenti, per cui in sostanza è obbligatorio anche per i medici. Il modello predisposto dal Garante tiene conto delle realtà di ridotte dimensioni organizzative e per questo motivo viene proposto in forma semplificata, di più agile compilazione e tenuta.

Per scaricare il modello e per ogni altra informazione: https://www.garanteprivacy.it/home/faq/registro-delle-attivita-di-trattamento.

Pronto Soccorso e obbligo di denuncia

Il caso del medico del Pronto Soccorso di Trento che avrebbe denunciato ai Carabinieri un immigrato irregolare rifiutandosi di curarlo ha fatto scalpore.

Sulla vicenda è intervenuto il Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, che ha ricordato che dovere del medico è la tutela della salute senza alcuna discriminazione, come prevede il Codice di Deontologia professionale. Anzi, aggiunge Anelli, se parliamo di soggetti fragili, il dovere di curare e di tutela della salute è amplificato all'ennesima potenza.

Spetterà all'Ordine dei Medici di Trento fare luce sulla vicenda.

L'episodio ha dato lo spunto a Daniele Rodriguez, docente di Medicina Legale all'Università di Padova, per fare il punto sui doveri e sugli obblighi giuridici per i medici del Pronto Soccorso, con un articolo esaustivo pubblicato su "Quotidiano Sanità": http://www.quotidianosanita.it/lettere-al-direttore/articolo.php?articolo_id=66376