• imgSlide7.png
  • imgSlide8.png
  • imgSlide0.png
  • imgSlide10a.png
  • imgSlide3.png
  • imgSlide5.png
  • imgSlide11a.png
  • imgSlide2a.png
  • imgSlide4a.png
  • imgSlide1.png
  • imgSlide9.png
  • imgSlide6a.png

La Guardia di Finanza cerca medici

La Guardia di Finanza sede di Firenze ha pubblicato due bandi di selezione riservati a medici.

Di seguito il testo dei bandi, con allegata modulistica per la partecipazione. Scadenza 15 dicembre 2017.

Elezioni 2018-2020

Domenica 26 novembre si sono concluse le operazioni di scrutinio relative al rinnovo degli Organi Istituzionali dell'Ordine di Firenze per il triennio 2018-2020.

Questi i risultati:

Esami diagnostici prevaccinali

La Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, con il supporto della Direzione generale per la Prevenzione del Ministero della Salute, ha diramato importanti indicazioni ai pediatri e ai medici di medicina generale a proposito delle richieste di esami diagnostici prevaccinali che provengono da genitori contrari alle vaccinazioni.

Questo il testo del comunicato:

Lesioni personali stradali: obblighi per i medici

A seguito dell'entrata in vigore della Legge n. 41 del 2016 sull'omicidio stradale, vi sono importanti ricadute sugli obblighi per i medici, in particolar modo nei casi di lesioni personali gravi o gravissime derivanti da sinistri stradali con prognosi superiori a 40 giorni.

Per questo motivo la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici ha diramato una comunicazione dove ricorda i corretti comportamenti da tenere, sia da parte dei medici dei Pronto Soccorso, sia da parte di tutti gli altri medici (di famiglia, specialisti, ecc.) che si trovino a formulare prognosi di malattia superiori a 40 giorni derivanti da sinistri stradali, sottolineando che la mancata segnalazione all'Autorità Giudiziaria comporta l'imputazione per il reato di omissione di referto o denuncia.

Da sottolineare che i 40 giorni di malattia che fanno scattare l'obbligo di referto o denuncia possono derivare anche da continuazione di malattia precedentemente prognosticata con un termine inferiore.

Di seguito il testo integrale della comunicazione della FNOMCeO:

La FNOMCeO contro le violenze ai medici

“È finito il tempo delle parole, delle dichiarazioni d’intenti e di vicinanza, è finita anche quell’inclinazione, naturale per un medico, di comprendere le ragioni, le paure, gli istinti del paziente, persino quando, spaventato da una diagnosi o dalla malattia, diventa aggressivo. Quello che è successo a Catania, e non si tratta purtroppo di un caso isolato, ha ucciso ogni sentimento di comprensione: qui non si tratta di aggressività, ma di violenza gratuita; qui non si tratta di pazienti, ma di delinquenti; qui non si tratta di prendere provvedimenti sul caso specifico, ma di ridisegnare, con interventi strutturali e di sistema, l’intero servizio di Guardia Medica e di mettere finalmente in sicurezza i nostri professionisti”.

Così il presidente della FNOMCeO, Roberta Chersevani, interviene sul gravissimo episodio che ha visto la giovane dottoressa di turno in una guardia medica nel catanese essere aggredita e violentata da un suo paziente.

Leggi tutto: La FNOMCeO contro le violenze ai medici