• imgSlide4a.png
  • imgSlide5.png
  • imgSlide10a.png
  • imgSlide2a.png
  • imgSlide11a.png
  • imgSlide0.png
  • imgSlide3.png
  • imgSlide6a.png
  • imgSlide7.png
  • imgSlide8.png
  • imgSlide9.png
  • imgSlide1.png

In scadenza il triennio ECM 2014-2016: mettersi in regola!

Il prossimo 31 dicembre 2016 si conclude il triennio ECM 2014-2016 durante il quale tutti gli iscritti all’Ordine sono tenuti ad aver conseguito crediti ECM in misura sufficiente ad assolvere il loro obbligo formativo.

Tale obbligo, che di norma è pari a 150 crediti nel triennio, può subire variazioni in dipendenza delle situazioni individuali. Maggiori informazioni in merito sono disponibili sul sito internet dell’Ordine nella pagina dedicata all’ECM: http://www.ordine-medici-firenze.it/index.php/ecm.

Si raccomanda a tutti i colleghi di verificare la propria posizione individuale sul sito www.cogeaps.it e, nel caso in cui l’obbligo formativo non sia stato ancora completato, di provvedere a soddisfarlo entro il 31 dicembre. In proposito si ricorda che la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici mette a disposizione gratuitamente una serie di corsi formativi in modalità FAD che tutti i medici e gli odontoiatri possono frequentare, conseguendo così i crediti ECM senza costi e in modalità on-line. Per consultare il catalogo dei corsi FNOMCeO: https://portale.fnomceo.it/fnomceo/showVoceMenu.2puntOT?id=112.

In ogni caso si ricorda che per rintracciare eventi ECM ai quali partecipare, sul sito internet di AGENAS esiste la banca dati degli eventi ECM che ogni professionista può consultare, filtrando i risultati per disciplina specialistica e per area geografica. In tal modo il professionista ottiene una panoramica di tutti gli eventi accreditati e può decidere a quali partecipare. Per accedere alla banca dati AGENAS: http://ape.agenas.it/Tools/Eventi.aspx.

Nel caso in cui il triennio si concluda senza che l’obbligo ECM sia stato soddisfatto, la vita lavorativa dei colleghi può complicarsi. Infatti, al di là di ipotetiche ed astratte sanzioni disciplinari, oramai è chiaro che la non regolarità ECM compromette sensibilmente le opportunità di lavoro per i medici, in quanto sempre più di frequente i datori di lavoro richiedono la regolarità ECM per stipulare un qualsiasi contratto di lavoro o anche per mantenere il posto di lavoro. Per cui essere in regola di fatto diventa un requisito sempre più necessario per poter lavorare.

L’esempio dei Medici del Lavoro è paradigmatico: in caso di insufficienti crediti ECM non possono esercitare la loro specialità. A costoro si ricorda che l’Ordine di Firenze ha stipulato una convenzione con la società BBC Srl, provider accreditato da AGENAS, per la fruizione del corso ECM FAD denominato “La grande sicurezza 2” che conferisce 35 crediti ECM a costi molto agevolati. Per informazioni: http://www.by-business.com/corsi/ecm/la-grande-sicurezza-2.